Italien Cned 1ère ES Devoir 4

Publié le 27 avr. 2011 il y a 10A par Anonyme - Fin › 4 mai 2011 dans 10A
5

Sujet du devoir

Bonjour, je n'arrive pas à réaliser ce devoir. Je dois le rendre avant Vendredi.
Merci pour votre aide.

In certi istituti1 diventi2 qualcuno «almeno se tieni i piedi sul banco»
Difficile piegare un ribelle che trasforma le sanzioni in medaglie

Bullismo, la scuola come un set
«Noi, violenti per diventare famosi»

Prepotenza e popolarità. «I prof? Sanno tutto ma non ci fanno caso»
I casi di violenza hanno un comune denominatore «l’assenza degli adulti»

di MICHELE SMARGIASSI MILANO –

C’è un’isola dei famosi3 in ogni scuola, forse in ogni classe. Approdarci non è da tutti, bisogna esibire certe qualità. C, 12 anni, prima media, è fortunato: «Io gioco bene a calcio e piaccio alle ragazze», così non deve «cercare rissa» per diventare famoso.
Invece nella scuola di V, 17 anni, istituto geometri, per diventare famoso devi4 almeno «tenere i piedi sul banco durante la lezione
«E il prof? «L’ha fatto sospendere per due giorni, ma quando è tornato era più famoso di prima, gli hanno fatto l’applauso». Come è
dovuto ai famosi.
Noi li chiamiamo «bulli»5 . Ma è un’etichetta inventata da noi adulti per far credere che abbiamo compreso il fenomeno. Invece è
probabile che non abbiamo capito un bel niente. C e V non dicono «bulli». Dicono: «i più famosi della scuola». C, 12 anni e V, 17 anni,
sono due ragazzi «presi in carico» dal Centro terapia dell’adolescenza di Milano (CTA). Hanno entrambi storie pesanti di bullismo da
riparare. Uno come bullo, uno come vittima. Ma senza sapere chi è l’uno e chi è l’altro : C e V sono indistinguibili, perché s’adeguano
agli stessi disvalori. «Da noi», racconta C, «quelli di terza mettono in fila i primini6 , poi fanno a gara di sputi, chi viene colpito deve fare
un passo indietro, è una specie di flipper». «Da noi», racconta V, «quelli famosi si fanno «prestare» i soldi senza restituirli, o pretendono
le merende, mica7 per mangiarsele, solo per far vedere che sono potenti».
Ripeto: e i prof? «È inutile, sanno tutto ma non ci fanno caso. Dicono solo: imparate a farvi rispettare».
Di storie così Francesco Vadilonga, psicoterapeuta del Cta, ne ha ascoltate a centinaia. Hanno tutte un comune denominatore: «L’eclisse
degli adulti. Non l’assenza, perché i professori reagiscono, ci sono punizioni. Eppure, per gli studenti, gli adulti restano presenze pallide,
distratte, disinteressate a quel che accade davvero tra i banchi».
Un’indagine della Società italiana di pediatria rivela che per l’84% degli adolescenti i bulli diventano tali «per essere ammirati».
«Cercano di emergere da una massa in cui evidentemente temono di non valere nulla», nota il professor Mario Pasqua, responsabile
del « Progetto bullismo », non a caso i problemi più gravi li abbiamo nelle prime classi, dove i ragazzi non si conoscono e cercano di
affermare un’identità visibile, nel bene o nel male. La prepotenza è un biglietto da visita».

(4 aprile 2007) adattato da La Repubblica.it

1 Qui : scuole
2 Il s’agit d’un “tu” qui traduit le “on” français : on devient
3 Popolare Reality Show televisivo (l’equivalente italiano della trasmissione americana Celebrity Survivor!), in cui i concorrenti, (gente più o meno famosa dello spettacolo),
devono sopravvivere in un’isola deserta. Si tratta di un gioco eliminatorio (è il pubblico che decide mediante il televoto). In Italia si è arrivati alla quinta edizione.
4 Voir note 2
5 C’est l’équivalent du terme « petit caïd »
6 I primini sono gli studenti della prima media (l’equivalente della 6ème), mentre la terza è l’ultimo anno della scuola media.
7 Non pas

Questions :

A. Leggi l’articolo e ritrova gli elementi seguenti

1 : Il nome del fenomeno descritto dall’articolo.

2 : Il luogo in cui questo fenomeno si sviluppa.

3 Il nome e l’identità dei personaggi intervistati

4 : I termini con cui gli studenti prepotenti sono descritti dal giornalista e dagli intervistati.

5 : A quale trasmissione televisiva è paragonata la scuola e perché (scegli una risposta fra quelle sottoelencate)

a. la scuola diventa un palcoscenico per esibire le proprie qualità fisiche e morali e diventare così « famosi »
b. la scuola diventa un palcoscenico in cui bisogna diventare « famosi » a tutti i costi per essere accettati dal gruppo
c. la scuola è il luogo della sopravvivenza nelle prove della vita

B. Rileggi l’articolo e formula le frasi

􏰀 1 : Com’è visto il comportamento dei bulli dai « grandi »
􏰁 2 ; Come appare invece il « bullo » agli occhi dei giovani.
􏰂 3 : Quali sono le cause del fenomeno, secondo l’inchiesta.
􏰃 4 : Qual è il ruolo della scuola.
􏰄 5 : Quali aspetti del fenomeno mette in evidenza il titolo8

C. Presenta l’articolo (5 lignes environ)

Tu dois écrire un compte rendu de l’article Bullismo, la scuola come un set pour la rubrique Questioni di società.
Aide-toi des réponses aux questions précédentes A et B pour rédiger cette courte présentation.

Tu peux commencer ainsi :

Questioni di società

Uno dei fenomeni più preoccupanti dell’attuale società è il cosiddetto fenomeno del
.......................

D. Expression personnelle

Scrivi un articolo !

À l’école, tu fais une enquête sur d’éventuels épisodes de « bullismo ». Après avoir interviewé des élèves de ton
école, tu dois rédiger un article de 200 mots environ pour le journal en ligne La Fragola9 .
Tu soigneras particulièrement les trois parties du titre (occhiello+ corpo del titolo+ sommario) pour introduire ton article.
En ce qui concerne les histoires des élèves que tu es censé(e) avoir interviewé, tu peux t’inspirer de faits vécus par toi ou ton entourage ou, à défaut, les inventer. Tu peux utiliser le style indirect ou faire parler directement les personnes interviewées (entre guillemets).

Où j'en suis dans mon devoir


A Leggi l’articolo e ritrova glie elementi seguenti

1) Il nome del fenomeno descritto nell'articolo è la celebrità dei giovani.
2) Questo fenomeno si sviluppa nell'istituto d'istruzione.
3) Le personagggi intervistatori sono:
- Due adolescenti, C. che ha 12 anni in scuola elementare e V che ha 17 anni in studiando in università.
- Un psicoterapeuta, Franceso Vadilonga.
4) il termine utilizzato dal giornalista per designare gli studenti prepotenti è « bulli », gli personnaggi intervistare lo chiamano i piu famosi della scuola.
5) La scuola è comparata con la transmissione telvisiva (…) :
b. la scuola diventa un palcoscenico in cui bisogna diventare « famosi » a tutti i costi per essere accettati dal gruppo.



1 commentaire pour ce devoir


Anonyme
Posté le 2 mai 2011
attention à l'article devant personaggi:i personaggi
il fenomeno è il bullismo è un reality show che si svolge a scuola al collegio,al liceo all'università;corrisponde alla conquista della notorietà:diventare una stella,una star,una diva o un divo!gli adulti rinunciano sono senon assenti almeno disimpegnati,pallidi.

Ils ont besoin d'aide !

Il faut être inscrit pour aider

Crée un compte gratuit pour aider

Je m'inscrisOU

J'ai déjà un compte

Je me connecte